I Borghi fantasma della Sabina

Dettagli escursione

  • sabato | 17 marzo 2018
  • 8:00
  • Bar L’Antico Casello di fronte alla fermata Metro Rebibbia. Appuntamento 2 ore 8.45 a Palombara Sabina al parcheggio dei bus Cotral.
  • AEV Maria Stefania Arena Tel 3498608321 AEV Massimo Carinella Tel 3289487378
  • $Registration

Tra distese di ulivi e campi coltivati, a soli 30 km da Roma, si nascondono luoghi misteriosi e sconosciuti. Si tratta di borghi, con tanto di castello e di un passato vissuto, successivamente abbandonati ed ora completamente deserti. Il primo borgo, partendo da Palombara Sabina, è il borgo medievale di Castiglione, abitato per soli due secoli e misteriosamente abbandonato; il secondo, superato il piccolo paesino agricolo di Stazzano, è il borgo fantasma di Stazzano Vecchio, abitato fino al 1901 e poi improvvisamente evacuato… Il tutto incorniciato dalle dolci colline delle campagne sabine. La passeggiata proseguirà fino al centro storico del piccolo paese di Moricone, da dove si prenderà il bus di linea Cotral per rientrare a Palombara. Dopo aver ripreso le auto, sulla via del ritorno, faremo una sosta (facoltativa) alla nascosta Abbazia di S. Giovanni in Argentella, piccola abbazia alto-medievale situata in luogo ameno e solitario, che grazie alla sua architettura, rimasta molto fedele a quella originale, ci farà fare una salto indietro nel tempo di molti secoli.

Equipaggiamento: scarponcini da trekking, zaino, acqua, pranzo al sacco, k-way.

Dislivello 400 mt – Difficoltà: T/E – Durata: 8,30 h – Lunghezza: 14 km circa

Contributo associativo di partecipazione: € 8 – Tessera Federtrek di validità annuale: € 15 – minori € 5

Costi aggiuntivi: € 1,10 per il biglietto del bus.

Locandina

N.B.: La gita sociale è riservata esclusivamente ai tesserati FederTrek, in regola con il tesseramento. N.B. La partecipazione è riservata ai soci in regola con il tesseramento.  Si ricorda inoltre ai partecipanti che è obbligatoria l’esibizione della tessera FederTrek e la trascrizione del numero da parte degli accompagnatori. L’attività proposta può subire cambiamenti a discrezione degli accompagnatori per ragioni di sicurezza e di opportunità per il gruppo, pertanto ogni tesserato è tenuto a rispettare le modalità di partecipazione stabilite dagli accompagnatori, seguendo le loro indicazioni,in caso contrario, verrà meno il rapporto di affidamento e, quindi, l’eventuale responsabilità verso chi sceglie percorsi o modalità differenti da quelle indicate.

*E’ obbligo dei soci conoscere, leggendo attentamente, il “REGOLAMENTO per i SOCI partecipanti alle attività del GEP” presente nel sito, alla voce “IL GEP”.